INDICE

  DA NON PERDERE    

  CERCA    

  ELENCO DEI PAESI    

  E-MAIL    
  
 
 Lazioturismo
 



    ROCCHETTINE - castello / città morta    


 

Comune: Torri in Sabina
Categoria : castelli e antichi borghi Tipo : città fantasma / borghi abbandonati

Rocchette e Rochettine, piccoli borghi gemelli (ambedue frazioni di Torri in Sabina, ma abbastanza distanti dal capoluogo) erano due abitati fortificati posti in un luogo strategico per il controllo di una importante via di comunicazione tra la storica Valle Reatina e la Valle del Tevere. Oggi, mentre il più basso di essi (Rocchette, posto in posizione meno impervia) continua ad essere abitato, il borgo più alto (Rocchettine) si affaccia sinistramente diroccato e disabitato sulla verdissima vallata sottostante


Nella foto: TORRI IN SABINA - ROCCHETTINE: la cittadella fortificata appollaiata sulla rupe


AMBIENTE E STORIA
Il Borgo di Rocchettine ed il suo 'fratello maggiore' (il Borgo di Rocchette, più in basso) sorgono su due speroni dei COLLI SABINI, ai lati opposti della gola del torrente Aia. Il luogo è strategico perché abbastanza PROSSIMO AL CONFINE CON L'UMBRIA (LINEA DI SECOLARI CONTESE fra le città di Narni e di Rieti, gli Imperatori di turmo ed i Nobili locali): qui LA GOLA DEL FIUME SI STRINGE e le fiancate della vallata sono impervie (e, PAESAGGISTICAMENTE, MOLTO BELLE)
Mentre il Borgo di Rocchette è tuttora abitato (e preso da un’ondata di restauri) il borghetto di ROCCHETTINE CONTINUA IL SUO SONNO SECOLARE, SU UN COLLE PIU' IN ALTO.
Su questi due poggi due diverse fortezze vennero edificate nel corso del XIII secolo: Rocchettine era conosciuta come ROCCA GUIDONESCA mentre Rocchette era chiamata ROCCA BERTALDA ed ambedue avevano lo scopo di sorvegliare la strada proveniente dalla Valle del Tevere che dava accesso al Reatino. Non si hanno notizie certe sugli artefici della loro realizzazione, ma si può supporre che Rocchettine (dato il suo originario nome) possa essere posto in relazione con la consorteria dei Guidoneschi che edificò vari castelli nella zona. Si sa che nel trecento AMBEDUE I BORGHI FURONO DEI SAVELLI e quindi, agli inizi del cinquecento, degli ORSINI per poi passare nel settecento nelle proprietà della Chiesa che, ai primi dell’ottocento le assegna al Comune cui appartengono oggi.
Sembra che NEL SETTECENTO IL BORGO SUPERIORE (ROCCHETTINE) RISULTASSE GIA' ABBANDONATO, pur sopravvivendo qualche casupola (di cui oggi si osservano i resti) nei dintorni della fortificazione.

IL BORGO DI ROCCHETTINE OGGI
Ai giorni nostri, mentre il borgo basso di Rocchette ha ormai perso il carattere precipuo di luogo fortificato, mantenendo l’aspetto di sereno paese medioevale, il borghetto di ROCCHETTINE CONSERVA nella sua interezza l’ASPETTO CUPO DEL VECCHIO BORGO CASTELLANO, con le sue fortificazioni che incombono sui ripidi pendii dal colore verde dei muschi, a strapiombo sulla angusta vallata sottostante.
PIUTTOSTO MALRIDOTTO, se ne scorgono all’osservazione dal basso i caratteristici tratti delle mura fortificate munite di torrioni cilindrici. Percorsa la ripida stradina che parte dalla provinciale (nei pressi di Rocchette) si arriva al cospetto dell’ANTICA PORTA D'INGRESSO alla cittadella.
L’interno è costituito da un GROVIGLIO DI STRETTI VICOLI fra mura pericolanti e piccoli ambienti di cui si indovina la destinazione: abitazioni o botteghe artigiane, stalle, cantine e quant’altro rendeva vivi questi antichi centri ed accompagnava il giornaliero tirare a campare dei loro non ricchi abitanti, tutti tesi al rispetto del signore di turno.
Il signore, nobile o emissario della proprietà, cui era riservato il fabbricato migliore, si impegnava alla comune difesa e perciò aveva rafforzato varie volte le mura e la rocca che oggi ancora sovrasta e racchiude questa piccola città morta.
Rocchettine, come spesso è accaduto per questi piccoli borghi, sicuramente non si è spopolato improvvisamente ma con l’andar dei secoli; pur avendo fatto evidenti tentativi per rabberciare le crepe di opere pericolanti, alla fine IL PASSARE DELLE STAGIONI E L'INCURIA GENERALE hanno finito col prevalere, inducendo anche gli ultimi abitanti a traslocare verso luoghi più sicuri e forse anche più adatti all’esercizio delle attività agricole.


TRA GLI ALTRI LUOGHI DI INTERESSE, non lontani da Torri in Sabina, si segnala, sulla strada per Rieti, la Villa di Collesecco (v. Cottanello, nelle cui vicinanze si trovano anche le antiche cave del marmo Rosso Cottanello nonché la Città Morta di Castiglione in Sabina) mentre, dalla parte opposta, verso il casello di Ponzano Romano dell'Autosole, si trova l'ex Abbazia medioevale di S. Andrea in Flumine.




Per informazioni:
Il borghetto fortificato di Rocchettine si raggiunge percorrendo una stradina che si stacca dalla provinciale presso il paesino di Rocchette, attraversa con un ponte il torrente Aia e conduce sulla sommità dello sperone tufaceo dove si trova i borgo abbandonato.
Info Comune Torri in Sabina tel 0765.62004


Apri Google Maps

2016  www.lazioturismo.it



Condividi Questa Pagina



AVVERTENZA: Lazioturismo.it, pur assicurando la massima cura nell'attivita di reperimento e presentazione delle informazioni, declina ogni responsabilita per eventuali omissioni o inesattezze dei dati e quindi per danni diretti od indiretti che da ciò derivassero.

 

  INDICE

  ELENCO DEI PAESI    

  CERCA    

  E-MAIL    
  
Copyright 2016 Lazioturismo.it / Linguaggio :