INDICE

  DA NON PERDERE    

  CERCA    

  ELENCO DEI PAESI    

  E-MAIL    
  
 
 Lazioturismo
 



    VILLA e GROTTA di TIBERIO a SPERLONGA    


 

Comune: Sperlonga
Categoria : archeologia romana e/o protolaziale Tipo : aree termali / ville

A chi percorra velocemente la Via Flacca, passa spesso inosservato questo bellissimo complesso costiero comprendente la Villa di Tiberio, la grande Grotta ed il Museo Archelogico. Esso è uno dei principali luoghi archeologici del Centro Italia, per la notevole massa di resti strutturali, tipici delle ville marittime, per gli aspetti naturalistici del sito esaltati dalle modifiche apportate dall'Imperatore e per la grande profusione di ornamenti e sculture qui rinvenuti ed in parte conservati nel locale Museo Archeologico.


Nella foto: SPERLONGA - GROTTA DI TIBERIO: vista del Borgo di Sperlonga dall'interno della Grotta


AMBIENTE E STORIA
Questa Villa è localizzata su una altura presso il Mar Tirreno nel Sud del Lazio, ai piedi di un massiccio sperone dei Monti Ausoni. Questi brulli monti, che costituiscono una barriera invalicabile tra la fertile Piana di Fondi e la costa, sono ora compresi nel Parco Naturale Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi. Nel 184 a.C. il Censore L. Valerio Flacco costruì (forse ristrutturando un percorso preesistente) una ardita strada di mezzacosta che passava di qui, unendo Terracina a Gaeta: la Via Flacca moderna ricalca in parte questo percorso.
Al km 16,300 della VIA FLACCA (MODERNA STRADA PANORAMICA COSTIERA che - in parallelo alla via Appia, la quale corre all'interno - congiunge Terracina a Gaeta e Formia) sorge l'Area Archeologica della Villa di Tiberio. Questo Sito, STUPENDAMENTE COLLOCATO IN PROSSIMITA' DEL MARE, è composto dalla VILLA IMPERIALE (con la GROTTA ad essa pertinente) e dal MUSEO Archeologico Nazionale di Sperlonga.
La SONTUOSA VILLA DELL'IMPERATORE TIBERIO fu edificata su una preesistente Villa di età repubblicana; le prime strutture sono infatti relative ad una residenza tardo-repubblicana, forse appartenuta ad Aufidio Lurco (nonno materno di Livia, moglie di Augusto). Tiberio (che succedette ad Augusto nel 14 d.C.) utilizzò questa residenza fino al 26 d.C.; in quell'anno, preoccupato dal verificarsi di una frana che lo investì durante un banchetto, L'IMPERATORE PREFERI' TRASLOCARE A CAPRI.

LA VILLA E GROTTA DI TIBERIO
Gli scavi permettono una panoramica delle parti essenziali del complesso (che si sviluppava per un fronte marino di circa 300 m.) composto, oltre che dagli ambienti abitativi e di servizio, da impianti termali e riserve d’acqua, e dotato di un attracco sul mare. La GRANDE GROTTA NATURALE (adattata con appositi interventi) accoglieva il triclinio imperiale con una piscina interna, collegata ad altre all'esterno adibite ad allevamenti ittici pregiati. L’interno della scenografica Grotta, in cui l'Imperatore amava passare molto tempo, era riccamente decorato con marmi pregiati e mosaici ed era ARREDATO CON MONUMENTALI GRUPPI SCULTOREI dedicati alle imprese di Odisseo (di tutto ciò 'in situ' non è rimasto pressochè nulla… ma… non preoccupatevi troppo, leggete oltre.
La ricchezza dei reperti marmorei di questo sito (ed in particolare della Grotta) emerse in tutta la sua consistenza durante i lavori di costruzione della nuova Via Flacca (nel 1957) epoca in cui una vera e propria rivolta degli abitanti (ed in particolare delle donne) di Sperlonga impedì che tutti i reperti marmorei fossero - come d'uso - fagogitati da qualche grande Museo della Capitale. Ciò indusse lo Stato ad allestire (nel 1963) il Museo che ora si trova nell'Area Archeologica.
Questo è UNO DEI MUSEI PIU' BELLI D'ITALIA: pezzo forte della raccolta è costituito dai celebri gruppi marmorei (di stile ellenistico) dedicati alle avventure di Ulisse (assalto di Scilla alla nave dell' eroe, accecamento di Polifemo) ed altre sculture sempre ispirate alle vicende omeriche. Della raccolta museale fanno parte numerosi altri pregevoli reperti scultorei, decorativi, suppellettili e diversi manufatti che documentano la continuità di utilizzo della Villa anche dopo l'abbandono dell'Imperatore, fino all’età tardo-antica.


TRA GLI ALTRI LUOGHI DI INTERESSE, non lontani da Sperlonga, si segnalano, lungo la costa - verso Nord - i Monumenti di Terracina Romana e Medioevale ed i resti del Tempio di Giove Anxur al Monte Sant'Angelo (v. Terracina) e - verso Sud - la storica Fortezza e il Mausoleo di Munazio Planco al Monte Orlando (v. Gaeta), i Resti Urbani di Formia Romana (v. Formia) e della Città di Minturnae (v. Minturno); nell'entroterra sono da visitare il Quartiere Medioevale di Fondi ed il Castello di Itri.




Per informazioni:
La Villa (e l'annessa Grotta) si trova sulla destra della SR 213-Via Flacca nel percorso da Sperlonga a Gaeta, al km 16.300. Il sito è recintato e custodito, ma normalmente visitabile.
INFO Comune www.comune.sperlonga.lt.it DGBA 0771 54028
AVVISO per i NAVIGANTI: Porticciolo a Sperlonga.


Apri Google Maps

2016  www.lazioturismo.it



Condividi Questa Pagina



AVVERTENZA: Lazioturismo.it, pur assicurando la massima cura nell'attivita di reperimento e presentazione delle informazioni, declina ogni responsabilita per eventuali omissioni o inesattezze dei dati e quindi per danni diretti od indiretti che da ciò derivassero.

 

  INDICE

  ELENCO DEI PAESI    

  CERCA    

  E-MAIL    
  
Copyright 2016 Lazioturismo.it / Linguaggio :