INDICE

  DA NON PERDERE    

  CERCA    

  ELENCO DEI PAESI    

  E-MAIL    
  
 
 Lazioturismo
 



    VILLA ALDOBRANDINI a FRASCATI    


 

Comune: Frascati
Categoria : ville e palazzi storici Tipo : ville storiche

Villa Aldobrandini è la più monumentale delle dieci VILLE TUSCOLANE ed è una delle sei che sorgono nel Comune di Frascati.
Queste sono una serie di lussuose residenze costruite dalla nobiltà papalina tra il cinquecento ed il seicento nella zona detta ‘del Tuscolo’ (perché anticamente qui sorgeva, sull’omonimo colle, il sito romano di Tusculum) già luogo prediletto per gli ozi dei patrizi romani.
La Villa Aldobrandini si erge maestosamente alla sommità dell’omonimo parco che sovrasta la piazza principale di Frascati in posizione molto panoramica tanto che, nel passato, era conosciuta come Villa Belvedere



Nella foto: FRASCATI - VILLA ALDOBRANDINI: vista della villa alla sommità dell’omonimo Parco (foto Giò Vitullo)


AMBIENTE IN CUI SI TROVANO LE VILLE TUSCOLANE E LORO ORIGINE
La Villa Aldobrandini, definita quale perfetta sintesi dell'architettura manieristica, è una delle sei Ville Tuscolane che si trovano nel comune di Frascati. Qui si trovano anche anche le ville Falconieri, Lancellotti, Sora, Torlonia, Tuscolana o Rufinella; altre due sono nel territorio di Grottaferrata (Villa Grazioli e Villa Muti) e due in quello di Monte Porzio Catone (Villa Mondragone e Villa Parisi).
Questa zona, detta del ‘ Tuscolo’ (perché sottostante allo storico Monte Tuscolo) fa parte della più ampia area dei Colli Albani (una serie di verdi colline vulcaniche immediatamente a Sud di Roma), area detta anche ‘dei Castelli Romani’. L’origine del nome ‘Castelli Romani’ risale al medioevo (ai tempi della cattività avignonese) quando numerose famiglie patrizie della capitale si erano costruite castelli e fattorie fortificate in questa zona notoriamente fertile, che quindi le teneva lontane dalla povertà incombente sulla capitale.
Ad iniziare dal cinquecento le famiglie della cosiddetta Nobiltà Papale ‘migliorarono’ i loro castelli nel ‘Tuscolano’, iniziando a costruire delle lussuose residenze per gli ozi estivi (o, meglio, per il raccoglimento e la preghiera). Esse finirono col diventare vero e proprio Status Symbol e per questo furono incaricati grandi architetti; non tutte le ville sono giunte fino a noi (alcune distrutte dalla guerra, altre non più riconoscibili perché assorbite nei tessuti urbani) ma molte di esse sono giunte ai nostri giorni con un buon livello di conservazione.
Ancora oggi quest’area costituisce una meta privilegiata dai romani per le sue attrattive paesaggistiche (boschi e laghi vulcanici) e peculiarità enogastronomiche. L’intera area fa parte del Parco Regionale dei Castelli Romani che comprende, oltre il Monte Tuscolo (650 m.s.l.m., scavi archeologici), i territori di tutti i comuni dell’area (compreso Castelgandolfo, dove sorge il complesso delle Ville Pontificie che, per origini ed architetture, avrebbero buone ragioni per figurare tra le c.d. Ville Tuscolane).
Frascati è situata sul versante romano dei Colli Albani, a 300 m.s.l.m., con vista sulla Capitale e sulla Campagna Romana fino al mar Tirreno e Villa Aldobrandini è costruita ad una quota tale da dominare l’abitato di Frascati stessa.


STORIA E STRUTTURA DELLA VILLA ALDOBRANDINI

…Cenni Storici
Per la sua splendida posizione essa è soprannominata ‘il Belvedere’.
Nel 1550 Monsignor Alessandro Rufini aveva realizzato qui una piccola villa di carattere rustico, di due piani, sui resti di una villa romana. Essa fu rivenduta per debiti e dopo vari passaggi finì al Referendario Apostolico Paolo Capranica finchè non fu requisita (anche stavolta per debiti) dalla Camera Apostolica. Venne così in possesso di Papa Clemente VIII (molto noto per aver fatto beneficiare la propria famiglia di beni espropriati dalla Camera Apostolica) che nel 1598 la regalò al nipote Pietro Aldobrandini in segno di gratitudine per aver riportato Ferrara sotto l’egida papale.
Questi incaricò Giacomo Della Porta di una radicale ristrutturazione per renderla un palazzo di rappresentanza. Ulteriori lavori furono eseguiti da Carlo Maderno e Giovanni Fontana, in specie riguardanti gli assetti esterni ed i giardini, i terrazzamenti ed il ‘teatro d’acqua’.e quindi nei primi decenni del seicento la Villa presentava più o meno l’aspetto attuale.
Nel 1683 gli Aldobrandini vendettero la Villa alla famiglia Pamphili (che realizzò l’alta siepe di delimitazione) dalla quale, nel 1760 passò ai Borghese. Gli Aldobrandini la riacquistarono nel 1837 e ne sono tuttora proprietari.

LA VILLA ALDOBRANDINI OGGI
E’ la più monumentale delle Ville Tuscolane: essa si erge in posizione scenografica - in alto sulla piazza Marconi, la più vasta della città - ed il suo vasto parco ha il grande cancello d’ingresso sulla piazza stessa la quale finisce col costituire una specie di ‘anticamera’ alla villa stessa. Del resto nell’antichità doveva essere proprio così, visto che su piazza Marconi sorgono le Scuderie Aldobrandini, ora trasformate radicalmente ed adibite ad attività museali e culturali in genere dal comune di Frascati.
Alla sommità di una serie di terrazzamenti, si erge questa enorme struttura di tre piani (il primo dei quali fa da basamento rialzato che si prolunga sui due lati e si svolge a recinto sul retro), sovrastata da un attico a due piani che culmina con un timpano.
Nel parco circostante si trova un giardino che una volta doveva essere molto suggestivo perché raccoglie tutti gli accorgimenti scenografici che hanno fatto grande l’arte del giardino in Italia (oltre alla parte verde, grotte, vasche, nicchie).
Sul retro della villa si trova la grande esedra del Teatro delle Acque (realizzato da Carlo Maderno e da Giovanni Fontana, che terminò i lavori iniziati dal Maderno); i suoi complessi sistemi idraulici ormai non sono più in funzione. Grande rilevanza hanno i Saloni, affrescati dai migliori artisti dell’epoca (tra cui il Cavalier d’Arpino e il Domenichino). Oggi la Villa, che - viene riferito - non ha tutti gli interni nelle migliori condizioni di mantenimento, è sede di attività di rappresentanza e ricevimenti in alcuni saloni ben restaurati ed è gestita dalla proprietà Aldobrandini. Riguardo ai buoni propositi di qualche ente appositamente costituito anche per ‘assicurare la migliore conoscenza delle Ville Tuscolane’ di questa villa è ben visibile (dalla piazza di Frascati) soltanto la facciata mentre manca, sul posto, qualsiasi indicazione circa la possibilità e condizioni di accesso (almeno al parco).


TRA GLI ALTRI LUOGHI DI INTERESSE non lontani dalla Villa Aldobrandini si segnalano le vicine Scuderie Aldobrandini (ristrutturate da Massimiliano Fuksas) che ospitano un bel Museo nonché la Cattedrale di Frascati e la seicentesca Chiesa del Gesù (ha una interessante finta cupola). Da non perdere le altre monumentali Ville Tuscolane site nei territori di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone e tutte le famose località del comprensorio albano (tra cui, Genzano, Albano, Nemi e Castelgandolfo, per citarne alcune). La zona è pregevole non solo dal p.di v. paesaggistico (boschi e piccoli laghi vulcanici) ma anche archeolologico (Criptoportico del Barco Borghese, Albano romana, resti di Tusculum, catacombe Ad Decimum sulla Via Anagnina, area di Nemi - Museo delle Navi - e del Monte Cavo) ed è molto nota per i suoi prodotti tipici ("porchetta" e "vino dei castelli", per citarne qualcuno).




Per informazioni:
Frascati si trova 20 km Da Roma, sulla SP 215 (Via Tuscolana) ed è raggiungibile con Bus Cotral (corse frequenti dal Capolinea Anagnina (stazione Metro A) e con Trenitalia (corse poco frequenti, da Stazione Termini Linea Roma-Frascati). La Villa è adibita ad attività ricettive e di rappresentanza; visite alla villa o al parco sono consentite secondo modalità e orari stabiliti dalla proprietà. Per Info www.aldobrandini.it ovvero tel: 06 9422560 o anche 06 9417195 (Museo Tuscolano)
L’indirizo uficiale è: Via Cardinal Massaia, 18 Frascati (RM)

2019  www.lazioturismo.it

AVVERTENZA: Lazioturismo.it, pur assicurando la massima cura nell'attivita di reperimento e presentazione delle informazioni, declina ogni responsabilita per eventuali omissioni o inesattezze dei dati e quindi per danni diretti od indiretti che da ciò derivassero.

 

  INDICE

  ELENCO DEI PAESI    

  CERCA    

  COOKIE POLICY    

  E-MAIL    
Copyright 2019 Lazioturismo.it - en-US,en;q=0.5